giornata di approfondimento del 19.6.2014

 

Ai margini dell’incontro si evidenzia nota ANCI su interpretazione comma 4 dell’art. 9 del Dl 66/2014 a conferma di quanto esposto nell’incontro.

Il D.L. n. 66/2014 convertito in legge:

MISURE URGENTI PER LA COMPETITIVITA’ E LA GIUSTIZIA SOCIALE

—Sant’Angelo in Vado, 19 giugno 2014

slide……..DL 66_2014 CONVERTITO – dl 66-2014_conversione  – Italia Oggi_20_giugno

Sei in: Homepage » L’Associazione » Segretario Generale » Area Stampa e Comunicazione » Comunicati Stampa Anci

Appalti – Fassino a Lupi, rivedere norma su rilascio codice identificativo gara
[18-06-2014]
Presidente ANCI chiede incontro urgente per soluzione condivisa

Un incontro urgente per risolvere il problema che si verra’ a creare in molti Comuni non capoluogo di provincia in materia di appalti pubblici a seguito della prossima conversione in legge  del Dl 66/2014. E’ quanto chiede il Presidente ANCI Piero Fassino in una lettera inviata al Ministro per le Infrastrutture Maurizio Lupi. Nel testo, rileva Fassino, si prevede (comma 4 dell’art. 9) che l’Autorita’ di vigilanza sui contratti pubblici non rilasci il Codice Identificativo Gara (CIG) ai comuni non capoluogo di provincia che procedano alla acquisizione di lavori, beni e servizi in violazione delle modalita’ indicate dalla stessa norma, ovvero non ricorrano a Consip o ad altro soggetto aggregatore.

Nella lettera, Fassino segnala che ‘’il forte rischio che si rinviene dalla applicazione della disposizione menzionata e’ il sostanziale blocco delle gare di appalto dal momento che i Comuni non avranno tempo congruo per (come prevede la norma) consorziarsi o per procedere alla costituzione di Unioni di Comuni e saranno obbligati a ricorrere a Consip S.p.a.’’.  In proposito, Fassino segnala che ‘’per alcune categorie di servizi e di lavori non esistono convenzioni Consip a cui i Comuni possano aderire, trattandosi di servizi e di lavori non standardizzabili, ad esempio i servizi sociali o la manutenzione delle strade, poiche’ si tratta di servizi resi da particolari categorie di enti’’.
Nel segnalare anche che ‘’la norma rischia di rendere difficoltosa la realizzazione degli interventi di edilizia scolastica, in particolare quelli previsti nel Dpcm approvato nel Consiglio dei Ministri di venerdi scorso’’, Fassino segnala che la Associazione dei Comuni italiani ha da tempo avanzato proposte emendative di modifica della norma in via di conversione, che pero’  ‘’fino ad oggi non hanno trovato positivo riscontro’’.
Da qui, la richiesta di un incontro urgente per individuare una soluzione condivisa ‘’che sappia coniugare l’esigenza di razionalizzazione del numero di stazioni appaltanti con una opportuna e necessaria fase transitoria di adeguamento ordinamentale per i Comuni, nonche’ la possibilita’ di valutare modalita’ piu’ flessibili e in taluni casi economicamente piu’ sostenibili, di reperimento di lavori e servizi’’.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...